Select Page

KODI: Servers down e sito sotto sequestro?

KODI: Servers down e sito sotto sequestro?

Molti siti stranieri parlano di uno scherzo, più precisamente di un pesce d’aprile. Eppure i server del sito ufficiale del noto Media Center multipiattaforma, Kodi (ex XBMC) sono ormai offline da ore.
Già da ieri sera 31 marzo, infatti, il sito e le repository ufficiali sono irragiungibili.

KODI: Servers down e sito sotto sequestro? kodi

Kodi sotto sequestro (O forse no)

Per chi accedesse ora al sito Kodi.TV potrà trovare la schermata sopra riportata, che recita quanto segue:

This domain name has been seized by ICE – Homeland Security Investigations, pursuant to a seizure warrant issued by a United States District Court under the authority of 18 U.S.C 981 and 2323.
Willful copyright infringement is a federal crime that carries penalties for first time offenders of up to five years in federal prison, a $250,000 fine forfeiture and restitution (17 U.S.C 506, 18 U.S.C 2319). Intentionally and knowingly trafficking in counterfeit goods is a federal crime that carries penalties for first time offenders of up to ten years in federal prison, a $2,000,000 fine, forfeiture and restitution (18 U.S.C 2320)
Traduzione

KODI: Servers down e sito sotto sequestro? kodi   KODI: Servers down e sito sotto sequestro? kodi

Un pesce d’aprile?

Fortunatamente in rete non si parla altro che di un pesce d’aprile.
Quindi tranquilli, non dovrebbe esserci motivo per disperarsi. Sembra infatti il Team Kodi abbia voluto prendersi beffa delle recenti vicende nelle quali è stato coinvolto. Inizialmente, infatti, le parole “carries penalties” sembra fossero linkate ad un video su Youtube, link pero’ poi rimosso. Tutti nella norma per i canali Social della fondazione XBMC, Twitter in primis.
L’ipotesi più plausibile è quindi che tratti di uno scherzo forte per sensibilizzare i propri utenti contro la pirateria.

Non ci si spiega perchè i server siano del tutto offline e con loro anche le repository (senza le classiche scuse per il disagio).
Motivo per cui in rete si è vociferato anche di un possibile ma improbabile attacco hacker.

Il dubbio resta tra gli utenti, soprattutto in seguito alla recente notizia proveniente dal Regno Unito, dove la Premier League ha ultimamente ottenuto un ordine del tribunale estremamente significativa nella campagna mai anti-pirateria.
Staremo a vedere.

La verità

Aggiornamento: Siamo al 2 Aprile e come sperato ed immaginato, il sito Kodi.TV è nuovamente online. Non solo: esso ritorna in rete completamente rinnovato e con un messaggio importante, diretto ai propri fans.
ANDATE A LEGGERLO QUI

E’ Chiaro quindi che lo ‘scherzetto’ del 1 aprile aveva anche delle ragioni tecniche. Allo stesso tempo, però,  la fondazione XBMC ha saputo dimostrare di schierarsi contro la pirateria. Ribadendo la sua estraneità, ha anche dimostrato essere sensibile al tema e di voler trasmettere i suoi valori alla sua community a tale riguardo.

About The Author

KODI: Servers down e sito sotto sequestro? kodi

Appassionato di tutto quanto concerne il mondo della telefonia, la tecnologia e l'elettronica interconnessa al web. Android, blog e serie TV sono il mio mondo.

Lascia un commento