MEIZU M3S Recensione

MEIZU M3S: Recensione completa

In continua crescita sul mercato internazionale, Meizu continua a duellare con la concorrenza. Questa volta con un dispositivo compatto di fascia media, che si è rivelato molto interessante all’atto pratico. Si tratta di Meizu M3S, versione rivista di M3 e più piccola del fratello maggiore M3 Note. Da quest’ultimo differisce per dimensioni del display (5″ vs 5.5″), ed ovviamente per il prezzo di vendita.
Meizu M3S è disponibile in due varianti di memoria: 2 GB di RAM + 16GB ROM e 3GB di RAM + 32GB ROM.
Scopriamo insieme come si comporta la versione dotata di 3GB di RAM.

MEIZU M3S: Confezione

La confezione di vendita di questo dispositivo risulta essere abbastanza completa. A differenza della versione asiatica al suo interno troveremo un cavo USB-microUSB e un alimentatore 5V/2A. Non mancano un paio di cuffie (anche se non di ottima fattura) ed una spilletta per estrarre il carrellino delle SIM. Il dispositivo, è giusto dirlo, sarà pronto out “of the box” con la lingua italiana preinstallata e tutti i servizi Google già presenti. Un plauso a MEIZU che è riuscita a commercializzare in italia, dispositivi per tutti gli utenti anche i meno esperti.

MEIZU M3S: Materiali e costruzione

Meizu M3s è compatto e si utilizza bene con una mano. La prima caratteristica che salta all’occhio ed al tatto,  iniziandolo a maneggiare, è la fattura dei suoi materiali. Meizu M3S è realizzato quasi interamente in metallo. Per la sua fascia di prezzo, questa è sicuramente una caratteristica non indifferente.

Meizu M3S

I bordi stondati e le  dimensioni contenute del display permettono al dispositivo di essere impugnato facilmente con una mano e non risulta per nulla scivoloso. Troveremo, come nella maggior parte dei dispositivi in metallo, due bande posteriori realizzate in plastica, per permettere alle antenne di collegarsi alla rete. Al contrario di molti dispositivi già visti, nella colorazione Gray le bande di plastica avranno una gradazione cromatica molto simile al colore del metallo. In sintesi, non ci accorgeremo della diversità dei materiali, se non al tatto.

Sulla parte frontale del dispositivo troviamo un display da 5 pollici, una soluzione ottimale  in termini di usabilità. In alto troveremo la fotocamera anteriore da 5 MegaPixel, il sensore prossimità ed, al centro, l’altoparlante per le chiamate. Abbiamo anche un comodo indicatore a LED monocromatico bianco per le notifiche.

alt=meizum3s

In basso troviamo il classico unico tasto fisico mBack di Meizu. Come per gli altri membri della casa, esso svolge la funzione di tasto Home o tasto indietro, a secondo della pressione che andremo ad esercitarvi. Tenendolo premuto per un secondo, consentirà inoltre al dispositivo di bloccarsi.
Ma non è finita qui, in quanto il pulsante racchiude al suo interno anche la tecnologia mTouch 2.1, con un comodo lettore di impronte digitali. Potremo utilizzarlo per la protezione del dispositivo, dallo sblocco all’accesso a determinate applicazioni. Settaggi che potremo scegliere da un apposito menù.

Sul lato sinistro è collocato il carrellino che ospita due SIM formato nano oppure in alternativa una nano SIM e una micro-SD. Lungo il lato desto, invece, sono disposti il bilanciare del volume  e il tasto power.
In basso è presente il connettore per la ricarica con ingresso MicroUSB (dov’è la type-C? per alcuni produttori, ancora soluzione sconosciuta). Ai lati del connettore sono presenti il microfono principale per le chiamate e l’altoparlante per la riproduzione multimediale ed il vivavoce.
In alto infine troveremo  soltanto l’ingresso per il jack delle cuffie.
Sul retro, troviamo infine la fotocamera il flash dual tone led tondo, e il marchio Meizu.

MEIZU M3S: Display

Il display ha dunque una diagonale da 5 pollici con risoluzione HD da 1280*720 pixel e curvatura 2.5D , display che ha una buona resa e una buona riproduzione dei colori, la luminosità è elevata e il sensore di luminosità funziona bene e in esterna lo schermo non si fatica a vedere, sicuramente per la fascia di prezzo in cui si colloca il dispositivo, difficilmente troveremo di meglio, inoltre nelle impostazioni, troveremo alcune opzioni di modifica, per scegliere la temperatura del colore. Infine il touch risulta molto reattivo e nel nostro utilizzo, non ha perso un colpo anche grazie al multi touch da 10 tocchi.

MEIZU M3S: Hardware

Il processore utilizzato in questo M3s un Mediatek MT6750 octa core da 1,5 GHz con GPU Mali T860 MP2. Tale accoppiata garantisce delle buone prestazioni nel comparto gaming, con risultati molto più che soddisfacenti anche con giochi più impegnativi come Real Racing 3.

La versione da noi testata è quella 3GB di RAM e 32GB di memoria interna. Come detto in precedenza, sul mercato è disponibile anche una versione “base” con 2GB di RAM e 16GB di storage, in entrambi i casi espandibile, qualora si rinunci al secondo slot SIM. Nonostante si riscontrino valori non elevati nei vari test benchmark, il device risulta essere sempre fluido privo di lag e imputamenti, sia durante l’uso quotidiano che nelle situazioni di maggiore stress. Merito anche dell’ottimo software che troviamo a bordo.

Da considerare in vista di un eventuale acquisto,  la mancanza della banda di frequenza 800mhz, una pecca che accomuna molti dispositivi dei produttori cinesi. Ciò significherà che se avete Wind come operatore o anche Vodafone, in alcune zone non riuscirete a navigare a massima velocità in rete 4G/LTE.

Per quanto riguarda la navigazione web, è presente il classico browser Meizu. Pur offrendo delle buone prestazioni, non è di certo perfetto, con alcune traduzioni non corrette e qualche impostazione non del tutto funzionante. La richiesta della versione desktop nella nostra prova, ad esempio, ha funzionato una volta su tre.
Nulla di trascendentale, visto i numerosi browser presenti sul Play Store.

MEIZU M3S: Fotocamera

La fotocamera principale è una discreta unità da 13 megapixel con apertura focale f/2.2 e autofocus PDAF (Phase Detection Autofocus).
Le foto che realizza in condizioni di luce favorevole sono buone, anche se non riescono a lasciare certo il segno. Con poca luce le immagini vengono decisamente impastate, ma comunque sufficienti. I video vengono registrati in Full HD a 30 fps. Discreto anche lo zoom, sia durante le fasi diurne quanto quelle notturne. Considerata la fascia di prezzo, tutto sommato, il sensore lavora abbastanza bene.

Questo slideshow richiede JavaScript.

DEMO registrazione  Full HD

Sulla parte frontale invece, la fotocamera ha un sensore da 5 mega-pixel con apertura focale f/2.0. Gli scatti effettuati durante le fasi diurne, e in condizioni di buona luminosità complessiva, risultano più che buoni. Come per la fotocamera principale, anche con questa lo scatto perderà nettamente qualità con il calare della luce. Per quanto riguarda i video, la camera anteriore gira in Full HD, ma la qualità (vista anche l’assenza di uno stabilizzatore) non è di buon livello.

MEIZU M3s: Batteria

La batteria è da 3020 mah e si ricarica in poco più di due ore completamente.
In modalità bilanciato settata di default, si superano tranquillamente le 5 ore di schermo acceso. Nei giorni dei nostri test, lo abbiamo utilizzato con la modalità prestazioni, con risultati di poco inferiori, ma con prestazioni, soprattutto nel gaming migliori. Ovviamente, presente la funzione “risparmio energetico” con la possibilità di essere settata, e decidere quale connessioni tenere attive.

MEIZU M3s: Audio e ricezione

La ricezione è stabile, non si notano dei cali improvvisi di rete. Il Meizu M3S presenta il supporto in dual SIM di tipo  dual/stand-by con supporto al 4G LTECat.6 e al VoLTE. Tuttavia, c’è da annotare che, come nella maggior parte di dispositivi dual SIM, quando una scheda viaggerà in 4G, la seconda non andrà oltre il 2G.

Presenti anche le connessioni Wi-Fi 802.11 a/b/g/n Dual Band e Bluetooth 4.0, entrambe molto affidabili.  Il GPS/A-GPS/GLONASS, che risultano rapidi nell’aggancio dei satelliti anche in ambienti chiusi.

Come in quasi la totalità dei dispositivi Meizu, lo speaker di sistema collocato sul profilo inferiore risulta essere molto valido. Il volume risulta abbastanza alto per la notifica di messaggi e chiamate, ma un po’ carente di bassi e non limpidissimo nell’ascolto della musica. Ovviamente questo si ripercuote anche nelle chiamate in vivavoce.
Nel complesso comunque, l’audio risulta sufficiente e apprezzabile, soprattutto rapportato alla fascia di prezzo in cui si colloca questo dispositivo.

MEIZU M3S: Software

Il software a bordo dell’M3S, è la versione internazionale  della FlyMe 5.1.5. basato ancora su Android 5.1 Lollipop.
Il software quindi è privo di contenuti cinesi, e come detto in precedenza, con il Play Store preinstallato e con la lingua italiana in tutto il sistema.
Pur avendo una versione non proprio recentissima di Android, l’esperienza d’uso offerta dalla FlyMe rimane ottima. Non crediamo ci sarebbero state differenze se la versione di Android fosse più recente.

Troviamo anche la sezione dedicata alla personalizzazione, con uno store dei temi completamente rinnovato, molto più intuitivo, diviso semplicemente tra temi scaricabili e scaricati. Con grande piacere abbiamo notato anche che, i temi  così come icone e sfondi possono essere scaricati senza il bisogno di effettuare il login con un account FlyMe. Presente il doppio tap per risvegliare lo schermo e il tasto Smart touch.

Tuttavia, seppur in versione internazionale, anche questa versione ci ha dato per i primi giorni qualche noia nella gestione delle notifiche, risolta poi, con alcuni accorgimenti, che hanno risolto del tutto il problema e che troverete nelle foto sottostanti.

MEIZU M3S: Conclusioni

Meizu M3s trasmette molto più di quanto fanno altri dispositivi della stessa fascia di prezzo.
L’interfaccia è veramente fluida e completa, una buona ergonomia, un buon display e un ottima qualità costruttiva posizionano questo dispositivo ben al di sopra di device simili dal prezzo decisamente più alto.
Se si pensa che il device viene venduto in Cina a circa 100-120€, attualmente sul mercato degli smartphone è impossibile trovare di meglio.
Complimenti MEIZU.

Quale versione scegliere
Il Meizu M3S è venduto in tutto il mondo ma differisce tra versione internazionale e versione asiatica. Troveremo normalmente quest’ultima su Gearbest e siti cinesi, ad un prezzo più basso (fino a 50€ in meno. Nella versione asiatica pero’ non sono installati i servizi google (software non immediatamente pronto all’utilizzo per il nostro paese). Tuttavia in rete circolano svariate guide per poter rendere quanto di più facile utilizzo questo smartphone. La versione internazionale e cioè quella recensita da noi, si trova anche su Amazon.it a circa 160€

Meizu M3S

Meizu M3S
7.7

Prestazioni

8/10

    Hardware e materiali

    8/10

      Software

      8/10

        Foto e video

        6/10

          Prezzo

          9/10

            Pros

            • Qualità costruttiva
            • Autonomia
            • Display
            • Prezzo

            Cons

            • Assenza NFC
            • Gestione notifiche
            • Versione software

            Autore dell'articolo: Dionisio Minerva

            Appassionato del mondo Android, ma barman nella vita di ogni giorno, oltre a preparare centinaia di caffe' dispenso consigli alla gente su tutto cio' che puo' riservare questo magnifico mondo.

            1 thought on “MEIZU M3S: Recensione completa

              Android Geek Italia

              (venerdì 13 gennaio 2017 - 12:27)

              5

            Lascia un commento