Select Page

[RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni.

[RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni.

La francese Wiko, dopo il discreto successo del suo Fever, prova a conquistare la fascia media del mercato con i 4 GB di RAM di Wiko Ufeel Prime.
Ma basterà questo per contrastare l’agguerritissima concorrenza?
Scopriamolo insieme, nella recensione completa.

Wiko Ufeel Prime: Confezione

La confezione di vendita di questo Wiko, è come sempre ben equipaggiata. Al suo interno troveremo infatti: lo smartphone stesso, dei comodissimi adattatori per le sim,  una bellissima spilletta per estrarre il carrellino sim, dei buoni auricolari con filo antingarbugliamento (con gommini di ricambio) e un caricabatterie standard (5.0 V, 1.55 A) che permetterà al dispositivo di ricaricarsi in circa 3 ore per caricare il telefono da zero.

Wiko Ufeel Prime: Qualità costruttiva, design ed ergonomia

Ufeel Prime è realizzato con materiali di qualità, la scocca interamente in alluminio con bordi arrotondati ed il vetro con tecnologia 2.5D, rendono facile l’impugnatura dello smartphone anche se, il peso (circa 150 gm) si fa sentire. Il design  non colpisce particolarmente, ricorda tanti dispositivi cinesi già visti, ma, quello che questo restituisce al tatto,  è una sensazione di solidità e qualità difficile da trovare su dispositivi di fascia media.

Lateralmente ci sono i tasti per la regolazione del volume, il tasto di power ed il carrellino estraibile che può ospitare due SIM in formato nano oppure, alternativamente, una SIM ed una microSD che permette di espandere i 32GB di memoria integrata. Sulla parte inferiore ci sono lo speaker di sistema, il microfono principale e la porta microUSB (nessuna traccia della Tipe-C in quel di WIKO) con supporto OTG. Sulla parte superiore è posizionato unicamente il jack audio da 3.5mm.

Sul retro troveremo la fotocamera principale da 13 megapixel con doppio flash LED ed il microfono per la soppressione rumori. Sulla parte anteriore, infine, oltre ai classici sensori di luminosità e prossimità, abbiamo una fotocamera da 8 megapixel con flash (come su WIKO Fever) ed un piccolo LED di notifica, personalizzabile attraverso le impostazioni.

Il tasto home integrato, incorpora un sensore per il riconoscimento delle impronte digitali non velocissimo ma abbastanza preciso (9/10). Interessante il modo in cui possiamo utilizzarlo, non solo per sbloccare. Infatti se disattiveremo i tasti software, questo tasto ci permetterà anche di, effettuare il back con un tocco, aprire il multitasking con una pressione prolungata e spegnere il display con una doppia pressione. Infine potremmo anche proteggere file ed applicazioni ed avviare applicazioni predefinite o chiamate vocali utilizzando diverse dita.

Wiko Ufeel Prime: Hardware

Il processore utilizzato per questo dispositivo, è uno Snapdragon 430 di Qualcomm, un octa-Core Cortex-A53 da 1.4GHz con GPU Adreno 505, coadiuvato da 4GB di RAM e 32 GB di memoria interna (espandibili fino a 64 GB). Nel complesso lo snapdragon 430 fa quello che può e le prestazioni sono soddisfacenti soprattutto grazie alla memoria RAM.

Ma le applicazioni non sono molto rapide ad avviarsi. Real Racing 3 nel nostro test, ha impiegato circa 50″ per aprirsi, senza poi riuscire a sostenere un framerate abbastanza elevato.

La temperatura sulla parte posteriore si fa sentire in caso di utilizzi più impegnativi.  Come detto manca un po’ di velocità ma, nell’insieme, rimane un dispositivo piacevole da utilizzare nell’uso quotidiano, e non abbiamo notato rallentamenti o bug di sistema.

Sul lato connettività troviamo la rete LTE fino a 300 Mbps, Wi-Fi dual band, Bluetooth 4.1, USB 2.0 OTG, aGPS

Wiko Ufeel Prime: Display

Wiko Ufeel Prime monta un display IPS da 5 pollici con risoluzione Full HD (1080×1920) ed una densità di 441ppi. In tutta onestà questo display non ci ha particolarmente entusiasmati. Nonostante la buona luminosità permetterà di visualizzare bene le immagini anche alla luce diretta del sole. L’angolo di visione presenta perdite di contrasto ad inclinazioni non molte elevate con neri non perfetti quando di taglio. Caratteristiche più o meno di tutti gli IPS, ma che in questo dispositivo, abbiamo notato maggiormente.

Altra pecca per un dispositivo che, dovrebbe essere il TOP di casa, è il multitouch a soli 5 tocchi. In dispositivi cinesi meno costosi, troviamo molte volte il multitouch a 10 tocchi.

Nessuna possibilità di regolazione di temperatura e saturazione tramite impostazioni, mentre è presente la funzione “Ambient display” che riattiva il display quando si solleva il device (ha funzionato 2 volte su 10) o si ricevono notifiche.

Wiko Ufeel Prime: Fotocamera

La fotocamera, insieme al display è uno degli aspetti che non ci ha convinto particolarmente su questo Wiko Ufeel Prime.
La fotocamera principale da 13 megapixel F/2.0, abbinata ad un Flash Dual-LED e ad uno stabilizzatore digitale dell’immagine. Gli scatti non sono dettagliati, e in alcuni casi, le foto vengono un po’ sgranate, soprattutto in condizioni particolari di luce. In condizioni di buona luminosità, invece,  gli scatti sono decisamente migliori, soprattutto le macro. Buona la velocità di messa a fuoco, mentre non brilla quella di scatto.  I video hanno una risoluzione massima Full HD A 30fps.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Buona invece la fotocamera frontale da 8 megapixel con apertura focale f/2.0 abbinati ad un funzionale Flash LED (già presente sul precedente Wiko Fever) che permette di scattare foto anche in condizioni di scarsa illuminazione. Va detto però, che in alcune situazioni, può dare fastidio e creare l’effetto “occhi rossi” oltre ad un fastidioso alone proprio in corrispondenza del flash (vedi foto).

L’interfaccia frll’applicazione Fotocamera offre diverse funzionalità, facilmente accessibili effettuando uno swipe verso destra o sinistra.
Presente lo scatto con HDR, la modalità notturna e lo scatto PRO. Troviamo in fine una comoda livella per scattare foto allineate all’orizzonte.

Wiko Ufeel Prime: Software

Wiko Ufeel Prime è basato su Android in versione 6.0 con interfaccia utente personalizzata. A differenziare l’esperienza Wiko da quella stock è My Smart Left Page: una sorta di aggregatore di notizie e news che ricorda comunque il raccoglitore notizie di Google Now (launcher che ho preferito a quello wiko). Qui troviamo applicazioni, contatti e notizie fornite da News Republic, già preinstallata, e a dirla tutta non graditissima, poichè invasiva e pesante (oltretutto l’accesso a questa pagina mostra evidenti rallentamenti).

Oltre alla gestione delle notifiche, quella del multitasking  e le impostazioni, che sono praticamente identiche a quelle Android stock, troviamo delle interessanti gesture per il display. Si tratta delle Smart Action e delle Smart Gesture che ci consentono di attivare rapidamente alcune funzionalità molto comode nell’utilizzo quotidiano.

Assente il classico drawer delle applicazioni. In sostituzione troveremo una vera e propria applicazione che le sistema in ordine alfabetico e quindi la rende funzionale nell’utilizzo quotidiano, soprattutto quando dovremo  trovare un’app specifica tra quelle installate.

Wiko Ufeel Prime: Audio e parte telefonica

Wiko Ufeel Prime è dotato di un altoparlante di sistema, che restituisce un suono molto pulito ed un volume non particolarmente elevato ma tutto sommato udibile in qualsiasi condizione d’utilizzo. Di ottima qualità anche l’audio tramite capsula auricolare, corposo e con un buon livello di volume. Buona anche l’esperienza di utilizzo in cuffia, con Wiko che inserisce in confezione un paio di auricolari, di qualità discreta.

Wiko Ufeel Prime è un Dual SIM Dual Standby con supporto alle reti LTE cat. 4 (fino a 150 Mbps in download, fino a 50 Mbps in upload) . Tramite impostazioni possiamo scegliere la SIM predefinita per chiamate, messaggi e dati. Per ogni SIM possiamo anche scegliere una suoneria. Scegliendo la configurazione Dual SIM, come detto in precedenza, bisogna rinunciare all’espansione di memoria tramite microSD.  Sempre elevata la ricezione del segnale di rete cellulare e lo smartphone riesce a mantenere il segnale anche in zone particolarmente ostiche. Stabile anche la gestione del Wi-Fi, presente con lo standard 802.11 b/g/n  con l’assenza però della doppia banda. La connettività è comunque garantita, anche a distanze considerevoli dal router e non abbiamo notato nessun tipo di problema in qualsiasi condizione di utilizzo.

Wiko Ufeel Prime: Autonomia

La batteria integrata da 3.000 mAh non ci ha entusiasmati più di tanto (sarà lo spropositato consumo del WiFi?), basti pensare che il suo predecessore, lo Wiko Fever, con una batteria inferiore, riusciva ad avere un autonomia migliore.  Tuttavia, con un uso medio,  si riesce  a coprire una giornata di utilizzo con molte notifiche da social, app di messaggistica e nel mio caso 3 account mail in push. L’utilizzo misto tra LTE e Wi-Fi mi ha portato a concludere la giornata, quasi sempre con 3 ore di display attivo, in circa 14/16 ore di utilizzo.

In caso di necessità, oltre al sistema di risparmio energetico di default di Android,  possiamo attivare una modalità che limita l’accesso alla rete da parte di determinate applicazioni ed un sistema Super che “castra” il dispositivo permettendogli di utilizzare unicamente le funzionalità basilari.

Ufeel Prime: Conclusioni

Il Wiko Ufeel Prime parte da un prezzo di listino di 249 euro. In tutta onestà un prezzo poco aggressivo e a dirla tutta poco bilanciato per ciò che offre, anche se on line lo si riesce già a trovare sotto i 200 euro. Nel complesso, è uno smartphone che non eccelle in quanto a prestazioni ma vede nella qualità telefonica e costruttiva i suoi punti di forza. Tuttavia la personalizzazione dell’interfaccia il display non perfetto e l’autonomia non in linea con i 3000 mAh che con molta probabilità pagano le pecche di ottimizzazione tra software ed hardware.  Tuttavia l’azienda ha già annunciato che Ufeel Prime sarà aggiornato ufficialmente a Nougat nel corso del 2017, quindi quest’ultimo potrebbe risolvere i problemi di ottimizzazione.

Per il momento, rimandato.


Wiko Ufeel Prime è disponibile su Amazon:

Wiko Ufeel Prime

[RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM   [RECENSIONE] Wiko Ufeel Prime: un mediogamma con grandi ambizioni. Wiko Ufeel Prime Wiko Snapdragon 430 4 GB RAM
7

Prestazioni

7/10

    Hardware e materiali

    8/10

      Design

      7/10

        Foto e video

        7/10

          Autonomia

          7/10

            Pros

            • Materiali costruttivi
            • Tasto Home
            • Gesture
            • Qualità telefonica

            Cons

            • Display
            • Batteria
            • Fotocamera

            About The Author

            Dionisio Minerva

            Appassionato del mondo Android, ma barman nella vita di ogni giorno, oltre a preparare centinaia di caffe' dispenso consigli alla gente su tutto cio' che puo' riservare questo magnifico mondo.

            Lascia un commento