Resurrection Remix su Xiaomi RedMi Note 3 Pro

Come ben sapete, Xiaomi, noto produttore cinese di smartphone, monta sui sui dispositivi una ROM proprietaria, la MIUI. Capita spesso, però, che gli utenti dopo mesi di utilizzo si stanchino dell’interfaccia, abbastanza pesante, del proprio Xiaomi cercando, quindi, qualcosa di più Stock e di più leggero.
Viene in nostro soccorso la Resurrection Remix, una Custom ROM basata sulla CyanogenMod, ora alla versione 13, basata su Marshmallow 6.0.1. Quest aROM rende il proprio dispositivo più simile alla ROM stock dei Nexus prodotti da Google.

Come se non bastasse, grazie a Resurrection Remix possiamo raggiungere livelli eccellenti anche in termini di autonomia, con ben 12 Ore di Schermo acceso!

Penso non serva altro per convincervi. Andiamo a vedere come installare, step by step, questa ROM su uno Xiaomi Redmi Note 3 Pro.

Resurrection Remix

Resurrection Remix ROM (Xiaomi Redmi Note 3 Pro): Requisiti

  1. Bootloader sbloccato (QUI la guida) e TWRP (QUI la guida);
  2. ROM Resurrection Remix da flashare (QUI il download, scegliete l’ultima versione disponibile) e le GAppps (QUI il download, dovete scaricare la versione adatta come in foto);
    Resurrection Remix
    Versione e modello di GApps da scaricare
  3. Altri Add-Ons opzionali come SuperSu, Xposed, il Kernel Radon (consigliato) o il Kernel Blaze.
Importante: La ROM, le GApps e i vari Add-Ons devono essere .zip

Se avete tutto, possiamo continuare.

Resurrection Remix ROM (Xiaomi Redmi Note 3 Pro): Installazione

Espandi / Chiudi
  1. Assicuriamoci che lo smartphone abbia almeno il 70% di batteria, visto che il procedimento è parecchio energivoro.
  2. Colleghiamo lo smartphone al PC, all’interno della SD create una nuova cartella, che vi servirà anche nei futuri aggiornamenti, e chiamatela “XROM” in modo da riconoscerla. Se non avete la SD createla nella memoria interna del dispositivo, cambierà solo di poco il procedimento.
  3. Trasferiamo il file della ROM all’interno di questa cartella (trasferite anche gli Add-On secondari), mantenendone il nome (ES: Resurrection Remix-M-v5.7.3-20160807-kenzo.zip ). Una volta completato il tresferimento del file, spegniamo il dispositivo.
  4. Per entrare in recovery utiliziamo la combinazione di tasti appositi, cioè tasto Accensione + il  tasto del Volume Su, e manteniamoli premuti fino alla comparsa del logo “Mi”. A questo punto rilasciamoli ed entreremo in Recovery Mode.
  5. Prima del flash della ROM dovremmo andare a fare il reset del dispositivo: Perderete tutti i dati delle applicazioni etc… Vi consiglio, quindi, di fare un backup prima di continuare. Per effetture il reset, tappiamo su “Wipe” ed effettuiamo lo “Swipe to Factory Reset” che trovate in basso.
    Alla fine del processo, tappiamo su “Back” e poi su “Advance Wipe”. Qui dobbiamo selezionare le voci “Data – Caches – Dalvik – System e Internal Storage” e poi effettuiamo lo swipe sottostante.

    Importante: Se avete messo la ROM nella memoria interna NON dovete selezionare la voce "Internal Storage".

    Al termine tappiamo su “Back” e torniamo alla Home con il tasto “Indietro” della nav-bar;

  6. Tocchiamo poi su “Install” perchè è l’effettivo momento  di flashare la ROM. Appena si aprirà la schermata, tappiamo su “Storage” e selezioniamo “Internal Storage” se la cartella precedentemente creata si trova nella Memoria interna dello smartphone, altrimenti scegliamo “External Storage”.
  7. Cerchiamo la cartella XROM, che contiene il file della ROM e le GApps. Una volta trovata, tocchiamola. All’interno troveremo il file da Flashare.
  8. Tappiamo sul file della ROM* e facciamo lo “Swipe to Confirm Flash” in basso. Quando il processo sarà terminato, tappiamo su “Wipe caches and Dalvik” ed effettuiamo lo “Swipe to wipe” ed attendiamo la fine del processo.
  9. Una volta fatto tutto questo, tappiamo su “Reboot System”.
    Vi compariranno 2 messaggi,

    1. il primo per il ROOT, tappiamo quindi su “Do not Install”.
    2. Il secondo, invece, vi chiederà di modificare la Recovery, per poter riavviare il dispositivo: effettuiamo lo “Swipe to disable Stock Recovery”.
  10. Il telefono così si riavvierà, effettuando così il primo avvio, perciò durerà circa 5 minuti.
    Appena si accenderà, ed avrete fatto la fase di preparazione, potrete iniziare ad utilizzare il vostro smartphone.

*Se volete installare altri Add-On tappate su “Add more Zip” selezionando i vari file da flashare. Il primo file DEVE essere la ROM, poi le GApps seguite da tutti gli altri add-ons.

Resurrection Remix ROM (Xiaomi Redmi Note 3 Pro): Screenshots

La ROM finale sarà così:

Resurrection Remix ROM: Perchè provarla

Scegliere la Resurrection Remix, vi permetterà di sfruttare al meglio sia le prestazioni generose che il nostro processore (lo Snapdragon 650 Esa-Core da 1.8Ghz) offre, attivando tutte le opzione che con le normali ROM MIUI, sono bloccate (es: la possibilità di registrare video in 4K).

Come potete vedere dagli schreenshot si allunga ancora di più la  durata della batteria che può arrivare anche a 12 ore di schermo acceso. Per questo vi consiglio di flashare o il kernel Radon o il Blaze che vi linko all’inizio.

E’ una ROM molto conosciuta che vi invito a provare. Devo dire che mi ha davvero sorpreso come, questo processore così sottovalutato, con dei piccoli accorgimenti software, diventi un vero SoC Top di gamma!

Che e pensate della Reserrection Remix? L’avete provata?

, , , ,

About Christian Giacomelli

Amante del mondo Android da quando, nel 2013, ho acquistato il mio Galaxy S4 con cui ho sperimentato tutte le Custom ROM disponibili. Ora possiedo uno Xiaomi RedMi Note 3 Pro con cui porto avanti la passione del Modding. Founder di Android Geek Italia.
View all posts by Christian Giacomelli →

Lascia un commento